Aperitivo…

…UN PIACERE DA CONDIVIDERE INSIEME
Come fare a conciliare linea e piacere?

Quante volte ci capita di scegliere un ”aperitivo” o un ”apericena” come momento goliardico per incontrare amici, colleghi di lavoro, per chiacchierare in tutto relax con un’amica o semplicemente per socializzare? Io lo trovo un ottimo compromesso la dove la cena diventerebbe troppo impegnativa…

Quante e quali insidie rischiano di “minare” la linea e “appesantire” la silhouette?

Quali sono allora le dritte per non cadere in trappola? O meglio, quali le scelte migliori?
Vorrei condividere con voi quello che ho visto giusto ieri sera.
Ero in un locale di Milano a prendere l’aperitivo con un’amica. Ho notato che il trend (= tendenza, moda) di quest’anno è l’attenzione particolare all’ healthy food = cibo salutistico, dai frullati alle centrifughe DETOX, dal pinzimonio alle insalate, ai cereali. Chiamamola moda, paranoia, attenzione scrupolosa alla linea. Sta di fatto che, osservavo… e sono soprattutto le donne (e mi ci metto pure io!!!) che sfruttano anche questi “eventi sociali” per scegliere dei piatti “light”! Non ho avuto la prontezza di scattare una foto con il mio cellulare per mostrarvi come lo scenario è cambiato rispetto a qualche anno fa, quando si andava nei locali per strafogarsi di pizzette, patatine e arachidi. La tendenza ora è quella di frequentare locali salutistici… e devo dire ne sono spuntati davvero tanti in questi ultimi anni!!!

In effetti, pensandoci bene, anche e me capita di fare lo “slalom gigante” tra patatine, noccioline, stuzzichini vari e focaccine. Sono un vero ricettacolo di sale, mi fanno venire una gran sete, mi appesantiscono e poi mi fanno sentire gonfia come un pallone!!!! (testimone la bilancia che puntualmente il giorno dopo segna 1 kg in più)… e addio prova costume!

Preferisco delle verdurine, magari in pinzimonio o perché no, grigliate, ci sono quasi sempre… così se arrivo affamata e stanca mi “tappano il buco”. Meglio un riso freddo, basmati o venere (quello nero che di solito viene cucinato con i gamberetti…) oppure un orzo o una pasta fredda. Se poi incredibilmente compaiono anche dei legumi … ancora meglio!!! Buoni, sazianti, poco calorici e ricchi di quella famosa “fibra”che noi specialisti consigliamo di mangiare in quantità industriale. Di solito non manca il grana, ricco di calcio e molto digeribile , in fondo “qualche scaglietta non ha mai ammazzato nessuno” … oppure dei gamberetti o dell’insalata di pesce…. ho come un sussulto di piacere!! … ahhh… come non pensare alle frittatine o alle uova sode? Ottime! Fresche e ricche di proteine ad alto valore biologico!

Con tutto questo cibo mi è venuta una gran sete… e se passassimo ai “beveraggi”… Cosa ci prendiamo? Del succo di frutta? Una centrifuga? O una supermegacentrifuga di frutta e verdura DETOX, che vanno così tanto di moda? Certamente SI se sei astemio. Sono buone, fresche e ricche di vitamine e hanno solo 60 calorie. E se non sei astemio? Vino? Un calice? Vino rosso? 94 calorie ma ricco di antiossidanti e di resveratrolo (una sostanza difficile da pronunciare ma molto utile per il nostro sistema cardiovascolare). .. o bianco? 88 calorie “inebrianti” al punto giusto.. perche no?!

Uno spritz? 80 calorie… un piacere… nessuna proprietà particolare, solo alcool… ma ogni tanto si può fare! E se scegliessimo un moijto? Già saliamo a 180 calorie, è un po’ più forte … rischia di offuscarmi il piacere della compagnia … magari la prossima volta!

E tu?
Di che aperitivo sei?

Autore Guarda tutti i post

Francesca

3 CommentiLascia un commento

  • Come sempre un articolo appassionate direi …. Mi fionderei subito a bere un centrifugato ….. Che tra l’altro se fatti bene sono buonissimi e secondo me oltre che dissetare tolgono anche il buchino dello stomaco perché sono più consistenti di un mohito …. E come dice lei non ti offuscano la mente e io aggiungerei neanche la vista … Non si sa mai si potrebbe incontrare sempre qualcuno di interessante 😂😉🙈

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *